La FTSC al Trofeo TERA di Schiffenen

Pur con una mini delegazioone, la selezione Ticinese ha saputo tener testa alla temibile concorrenza italo-francese-svizzero romanda presente sul lago di Schiffenen per la 5. Edizione del Trophée Européen des Régions d'Avirons (TERA). 350 gli atleti in gara in rappresentanza di 7 regioni: tre italiane: Liguria, Piemonte e Lombardia, 2 francesi: Rhône-Alpes, Aquitaine, Romandia e Ticino per la Svizzera.

Il Trofeo è andato alla regione Lombardia, presente in tutte le categiorie e specialità, che ha così bissato il successo ottenuto lo scorso anno.

La selezione Ticino, presente con 9 atleti che si sono cimentati in sei prove, ha saputo inserirsi a ridosso dei migliori con una vittoria nella giornata d'esordio con il doppio U17 di Vincenzo De Luca e Alan Giudici e con due secondi posti ottenuti dal doppio di Elena Botti e Lisa Cassina: sabato nella categoria U19 (a soli 2/100 dall'armo della Lombardia di Calabrese e Rodini) e domenica nella categoria seniori, battute dalle romande Frédérique Rol e Adeline Seydoux.

Nel 4 senza U19 la formazione ticinese composta da Vincenzo De Luca, Calvin Cannavacciuolo, Gianmarco Bernasconi e Michele Aldeghi, malgrado alcuni problemi di direzione (si è evitato, per poco, uno scontro con l'armo dell'Aquitaine) sono riusciti ad inserirsi al terzo posto in una gara dominata dal forte armo della Lombardia. I nostri hanno avuto modo di mettersi in bella evidenza anche nel 4 di coppia U17 (De Luca - Cannavacciuolo - Giudici - Capellini).

 

È stata un'eccellente opportunità per verificare lo stato di forma dei ragazzi , per fare esordire due giovani tleti (Carlo Capellini ed Eric Rezzoniconel doppio U17) e per prepararsi al meglio in vista dei prossimi cimenti sulla lunga distanza: "Armada Cup", Varese e Torino. Peccato che il programma del Trofeo, con gare troppo ravvicinate, non ci ha consentito di essere presenti in altre specialità e, di conseguenza, ottenere una classifica migliore.

Articolo di presentazioneRisultati completi  Resoconto CdT